Più concorrenza tra fondi pensione negoziali e PIP? Ci può stare

di Marco Liera - 21/03/2015

Stampa Crea Pdf Invia Rss

Il diritto alla portabilita' del contributo datoriale alla previdenza complementare introdotto dall'art. 15 del Ddl Concorrenza ha scatenato la contrarieta' dei fondi pensione negoziali, che temono un assalto dei consulenti finanziari ai propri iscritti analogo a quello che si verifico' tra gli anni 80 e 90 nel Regno Unito.  Condivido il fatto che una maggiore concorrenza nel settore del risparmio, soprattutto di quello previdenziale, sia auspicabile solo se vengono tenute presenti le endemiche distorsioni cognitive e la valenza sociale che lo caratterizzano. Un conto e' ampliare la liberta' di scelta della compagnia telefonica, eliminando costi e altre barriere all'uscita, un altro e' fare la stessa cosa con i fornitori di servizi di gestione dei risparmi previdenziali. Cio' detto, credo che siano proprio le endemiche distorsioni cognitive di cui sopra a rendere in molti casi necessaria l'azione di un professionista qualificato per indurre i lavoratori a pianificare il proprio futuro pensionistico. L'evidenza empirica mostra che i lavoratori, spontaneamente, hanno una tendenza vicina allo zero a occuparsi del proprio futuro previdenziale. Negli ultimi anni sono stati i PIP collocati dalle reti bancarie, finanziarie e assicurative a guidare la raccolta previdenziale, mentre i fondi pensione negoziali hanno rallentato. Le campagne informative sono meno efficaci della consulenza personalizzata di un professionista nel diffondere la necessita' di accantonare risorse a scopi previdenziali, e la congiuntura economica avversa e l'inevitabile aumento delle conflittualita' hanno fatto probabilmente perdere ai sindacati l'iniziale, encomiabile entusiasmo verso i fondi pensione della fine degli anni 90. A cio' va aggiunto che alla parte datoriale, di fatto, non e' mai convenuto spingere i lavoratori verso l'adesione ai fondi pensione, per ovvie ragioni (risparmio contributivo e mantenimento del TFR in azienda).
L'asse tra sindacati (ora distratti da altre priorita') e datori di lavoro (mai stati veramente in partita) si e' dimostrato inadeguato ad incrementare le adesioni ai fondi pensione. In una logica sistemica, credo che non sia un sacrilegio a questo punto dare campo libero agli intermediari, la cui attivita' merita una remunerazione (che deve essere equa e trasparente) che si puo' tradurre in costi maggiori rispetto ai fondi negoziali, collocati in assenza di consulenza professionale (mutuando dal linguaggio MIFID, in execution-only). La vera tutela per i lavoratori si ottiene con un sistema sanzionatorio rapido e severo da applicare ai casi di malaconsulenza, non creando recinti che odorano di paternalismo.


Stampa Crea Pdf Invia Rss


Vuoi lasciare un commento o essere informato delle prossime novità di YouInvest? Compila questo breve form

Cognome *
Nome *
E-mail *
Il tuo giudizio su YouInvest *
Commento
Finalità del trattamento dei dati personali
Accetto le finalità del trattamento dei dati personali
Codice di verifica Cambia testo