Investire nella scuola/12: Vendere competenze, le condizioni perchè diventi un vero business

di Marco Liera (*) - 15/12/2014

Stampa Crea Pdf Invia Rss

Ottenere un reddito in cambio delle proprie competenze è un obiettivo il cui raggiungimento presenta difficoltà che variano da caso a caso. Un affermato avvocato (o commercialista, o architetto) in uno studio blasonato ha meno difficoltà di uno alle prime armi. Le competenze di un professionista possono e devono aumentare nel tempo con la formazione mirata, ma anche qui non è sempre immediato e diretto ottenere un ritorno dagli investimenti effettuati. E questo vale anche per i consulenti finanziari. La mia impressione è che, come spesso accade nelle scienze sociali, il rapporto tra competenze e creazione di valore sia caratterizzato da varie asimmetrie e incertezze. Determinazione e coerenza sono qualità necessarie in questo ambito, ma anche una buona dose di serendipity, ossia di disponibilità imparare da esperienze anche distanti dalla propria disciplina, al fine di “scoprire ciò che non si stava cercando”.

La certezza è che sotto alcune condizioni (anche casuali), la competenza può rivelarsi un business formidabile. Fra i vari esempi, mi piace ricordare quello di Pearson, il gruppo inglese che pubblica il e detiene il 50% del settimanale . Mentre vari altri editori di giornali nel mondo sono stati travolti dal crollo della raccolta pubblicitaria e dal trionfo delle piattaforme come Google e Facebook, Pearson ha resistito molto efficacemente essendosi trasformata in tempi non sospetti in una “education company”. Un’azienda che in vari Paesi è leader nella fornitura di libri scolastici e universitari, formazione per il superamento dei test di ammissione a università, scuole e professioni, pubblicazione di riviste scientifiche, con un’offerta sia offline che online. Il suo fatturato in questo modo è diventato sempre meno legato alla ciclicità del mercato pubblicitario, e più al fatto che milioni di persone e organizzazioni nel mondo sono disposte a pagare un prezzo per acquistare le sue competenze. Non è un caso che il motto di Pearson sia “imparare sempre”.

(*) Pubblicato in BlueRating del settembre 2014

 

 

Stampa Crea Pdf Invia Rss


Vuoi lasciare un commento o essere informato delle prossime novità di YouInvest? Compila questo breve form

Cognome *
Nome *
E-mail *
Il tuo giudizio su YouInvest *
Commento
Finalità del trattamento dei dati personali
Accetto le finalità del trattamento dei dati personali
Codice di verifica Cambia testo