Anche Warren Buffett cade vittima dell'eccesso di confidenza

di Marco Liera (*) - 06/10/2014

Stampa Crea Pdf Invia Rss

Chi l’avrebbe mai detto? Warren Buffett, considerato il più grande investitore della storia, che cade vittima dell’overconfidence, dell’eccessiva fiducia nelle proprie capacità. Gli è accaduto inciampando in Tesco, la malandata catena di supermercati inglese nella quale la Berkshire Hathaway (BH, la finanziaria guidata da Buffett) ha cominciato a investire pesantemente nel 2007. La cosa interessante è che l’oracolo di Omaha ha aumentato la sua esposizione in Tesco anche dopo l’allarme sugli utili lanciato dalla società inglese nel gennaio 2012, scommettendo altri 800 milioni di dollari e portando così l’esborso complessivo a 2,35 miliardi. Ovviamente la sua mossa fu emulata da molti altri investitori, a loro volta fiduciosi sulle proverbiali virtù di Buffett. Purtroppo per lui e per loro, la quotazione di Tesco ha continuato a perdere terreno, sprofondando negli ultimi giorni ai minimi da 11 anni, dopo due ulteriori allarmi utili, la sospensione di quattro amministratori e l’apertura di una inchiesta da parte della FCA, il regulator inglese. Buffett ha dimostrato ancora una volta la sua grandezza ammettendo il grossolano errore, che al momento comporta per BH una svalutazione del 48% sulla posizione. Non è ovviamente il primo scivolone per l’84enne Buffett. Quel che è interessante è vedere che un investitore navigato come lui è stato troppo lento a cambiare idea su una società sulla quale aveva molto probabilmente maturato delle convinzioni assolutamente razionali e fondate. D’altra parte, avrà pesato il fatto che in altre occasioni, di fronte a inaspettati cali delle quotazioni di un titolo nel quale credeva parecchio, si era rivelato assai premiante per lui continuare a investire nella stessa società, “approfittando” dei prezzi più bassi.

Niente di irrimediabile, si intende. Il bilancio di Buffett e della BH resta straordinario nonostante Tesco e altri inciampi del passato. Sarà interessante vedere a questo punto cosa farà della posizione rimasta. La serenità per decidere non gli manca. Come ama ripetere, “è sufficiente che tu faccia poche cose giuste nella vita se eviti di fare troppe cose sbagliate”.

(*) Pubblicato sul Sole-24 Ore del 6 ottobre 2014

Stampa Crea Pdf Invia Rss


Vuoi lasciare un commento o essere informato delle prossime novità di YouInvest? Compila questo breve form

Cognome *
Nome *
E-mail *
Il tuo giudizio su YouInvest *
Commento
Finalità del trattamento dei dati personali
Accetto le finalità del trattamento dei dati personali
Codice di verifica Cambia testo